Italian Society of Construction Law

VERBALE DI ASSEMBLEA DI ASSOCIAZIONE

Assemblea ISCL del 28 giugno 2017 – Verbale

Alle ore 18:10 di mercoledì 28 giugno 2017, nello studio del prof. avv. Giovanni Iudica in Milano, via Chiossetto 8, si è riunita in seconda convocazione l’Assemblea annuale dell’Istituto italiano per il diritto delle costruzioni e degli appalti (Italian Society of Construction Law, in breve ISCL – di seguito anche “l’Associazione”), come da convocazione via e-mail del 18 maggio 2017, per discutere e deliberare in ordine ai seguenti punti all’ordine del giorno:

1) approvazione del bilancio;

2) iniziative scientifiche Bocconi/LUISS/CDP;

3) rapporti con la ESCL;

4) rinnovo cariche sociali;

5) varie ed eventuali.

Erano presenti:

– in persona, i soci avv. Massimiliano Cattano, avv. Giorgia Colombo, avv. Vincenzo Del Re, prof. avv. Attilio Guarneri, prof. avv. Giovanni Iudica, notaio Matteo Mattioni, prof. avv. Andrea Mora, avv. Gino Nardozzi, avv. Martina Nardozzi, prof. avv. Mario Nuzzo, avv. Roberto Panetta, prof. arch. Alessandro Ubertazzi; – per delega, i soci prof. avv. Emanuele Lucchini Guastalla, avv. Silvia Maroni, avv. Veronica Montani, avv. Sofia Nobile de Santis, prof. avv. Salvatore Patti, prof. avv. Giovanni Stella, avv. Davide Tessera.

Il Presidente prof. avv. Iudica ha diretto i lavori dell’Assemblea, che hanno preso le mosse dal punto 1) dell’o.d.g.

A tal proposito, il Presidente ha illustrato il bilancio dell’Associazione, il quale presenta un saldo attivo finale di 20.000 Euro. Il bilancio viene approvato dall’Assemblea.

Si passa quindi alla trattazione del punto 2) dell’o.d.g., relativo alle iniziative scientifiche dell’Associazione.

Il Presidente spiega che queste si articolano su due piani.  Il primo, tutto da avviare, è quello dell’organizzazione di occasioni di formazione interdisciplinare per avvocati, ingegneri, architetti, consulenti tecnici, ecc.: un’iniziativa rivolta a

gruppi ristretti di paganti, al fine di finanziare l’Associazione. La cura di tale progetto è affidato all’avv. Cattano e al prof. arch. Ubertazzi. Il secondo piano è quello riguardante un’iniziativa di ricerca, attualmente in fase di sviluppo

iniziale, che vede coinvolti – per il momento – gruppi di lavoro afferenti alla Bocconi, alla LUISS e alla Cassa depositi e prestiti (della quale, com’è noto, il prof. avv. Nuzzo è vicepresidente).

Tale progetto riguarda il tema delle tecniche negoziali volte a evitare liti – giuridiche e/o tecniche – relative ai contratti di appalto pubblico e privato (c.d. avoidance). A questo proposito, il prof. avv. Nuzzo precisa che tale studio ha ad oggetto non solo le tecniche volte a evitare l’insorgere delle controversie, ma anche quelle intese a evitare che le controversie eventualmente insorte possano incidere sull’esecuzione dell’appalto, così pregiudicando l’equilibrio finanziario dell’operazione. Possibili strumenti da impiegare a tali fini sono, da un punto di vista tecnico-giuridico, quello del mandato conferito ai membri di un dispute board per comporre negozialmente le liti in corso di esecuzione del contratto; quello del rinvio della lite al termine dell’esecuzione del contratto, mediante un pactum de non petendo e/o de non agendo); quello della rinuncia delle parti a ricorrere ai provvedimenti cautelari previsti dalla legge. Il lavoro in questione dovrebbe articolarsi su due livelli: in primo luogo, la predisposizione dell’apparato teorico necessario a sostenere le soluzioni pratiche da proporre; in secondo luogo, l’elaborazione degli strumenti negoziali a ciò necessari.

Il prof. avv. Nuzzo, infine, riferisce dell’interesse manifestato nei confronti di tale progetto da parte di funzionari del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti: non è escluso, pertanto, che il Ministero prenda parte al progetto con modalità da determinarsi. Sempre a proposito di possibili collaborazioni esterne, l’avv. Cattano riferisce di avere avviato un contatto con il Comune di Milano dopo l’insediamento della nuova Giunta, in particolare con il gruppo di lavoro dell’Assessore al bilancio prof. Tasca. Messosi in contatto con la dott.ssa Antonella Fabiano, funzionario responsabile degli appalti del Comune, l’avv. Cattano ne ha raccolto, da un lato, le perplessità circa l’impiego di strumenti negoziali di a.d.r. e di avoidance, nonché, dall’altro lato, la disponibilità dell’ufficio della dott.ssa Fabiano a coltivare un dialogo costruttivo con l’Associazione. La dott.ssa Fabiano attende quindi un impulso dall’ISCL per l’organizzazione di una tavola rotonda sul tema. L’Assemblea delibera di proseguire lungo le direttrici testé illustrate.

Venendo al punto 3) dell’o.d.g., il Presidente illustra lo stato attuale dei rapporti tra l’Associazione e la ESCL, aggiornando preliminarmente l’Assemblea sull’assetto attuale di quest’ultima, il quale è significativamente mutato rispetto a un passato in cui la partecipazione delle associazioni nazionali alla ESCL si risolveva esclusivamente nell’organizzazione turnaria di un convegno annuale aperto a tutti i membri. Il Presidente ricorda di aver personalmente sollevato, durante il convegno di Milano del 2014, il problema dell’insufficienza di tale prospettiva, affermando che la ESCL avrebbe dovuto farsi promotrice di iniziative di più largo respiro, sfruttando maggiormente il proprio enorme potenziale. Questa proposta è stata presa sul serio e, nel giro di due anni, a margine del convegno di Vienna del 2016 è stato approvato un nuovo testo di statuto, il quale ha dato vita a un Council, cioè a un board con il compito di avviare iniziative a livello europeo: tale organo è presieduto da un Chairman inglese (Mr Richard Bailey). Questo Council – prosegue il prof. avv. Iudica – può rappresentare per l’ISCL un veicolo importante per dare vita a nuove iniziative. A esso l’Associazione ha già chiesto appoggio per la ricerca in tema di avoidance, al fine di avere accesso a materiali di studio provenienti da diversi Paesi. A questo proposito, l’avv. Panetta si è recato personalmente a L’Aja, presso la sede della ESCL, dove ha illustrato il contenuto di tale progetto raccogliendo una reazione positiva e la disponibilità a fornire materiali di studio al gruppo di ricerca. Tra le iniziative del Council vi è l’organizzazione di una summer school della durata di una settimana (la prima di luglio) a partire dal 2018: un’iniziativa rivolta non solo a giuristi, ma anche a ingegneri, architetti, ecc., la quale avrà ad oggetto, quindi, non soltanto il construction contract ma, più in generale, la construction law (ivi comprese le tematiche contrattuali, ambientali, di progettazione, di dispute resolution, ecc.). L’ISCL sarà coinvolta nell’attività didattica ed è obbiettivo della nostra Associazione di ospitare, negli anni a venire, questa iniziativa (che sarà itinerante). Il Presidente annuncia, inoltre, che la ISCL ospiterà a Milano, il 14 settembre p.v., una riunione del Council.

Circa il punto 4) dell’o.d.g., relativo al rinnovo delle cariche sociali, il Presidente propone di aumentare da 3 a 5 il numero dei componenti il Consiglio Direttivo, in considerazione degli impegni che, come detto, attendono l’Associazione. Il Presidente sottopone all’Assemblea una proposta di nomina dei nuovi Consiglieri che contempera esigenze di continuità e di rinnovamento, individuando i possibili designati nelle persone del prof. avv. Iudica, del prof. avv. Mora, dell’avv. Cattano, dell’avv. Martina Nardozzi, nonché nella persona dell’ing. Marcello Viglino, Contract Manager della Salini Impregilo e membro della Dispute Resolution Board Foundation (DRBF), il quale ha manifestato il suo interesse a far parte dell’ISCL.

Prende la parola l’avv. Cattano, dichiarando di essere onorato dalla proposta del Presidente, ma preferendo declinarla al fine di evitare possibili conflitti d’interessi relativi ad alcune collaborazioni professionali che egli si appresta a  intraprendere. Il Presidente propone quindi di nominare, al suo posto, l’avv. Colombo. Il Presidente propone poi di rinnovare il Consiglio dei Probiviri con la nomina del prof. avv. Nuzzo, del prof. arch. Ubertazzi e del notaio Mattioni, il quale lascerebbe il ruolo di Segretario in cui subentrerebbe l’avv. Panetta. A questo punto l’Assemblea approva senz’altro l’ingresso nell’Associazione, quale nuovo socio, dell’ing. Viglino, ritenendo che per l’Associazione è assai importante avere al proprio interno un soggetto proveniente dalla grande imprenditoria nel settore delle costruzioni.

Approva altresì le seguenti nomine:

– al Consiglio Direttivo: prof. avv. Giovanni Iudica (Presidente), prof. avv. Andrea Mora, avv. Giorgia Colombo, avv. Martina Nardozzi, ing. Marcello Viglino;

– al Consiglio dei Probiviri: notaio Matteo Mattioni, prof. avv. Mario Nuzzo, prof. arch. Alessandro Ubertazzi;

– a Segretario: avv. Panetta.

Quanto al punto 5) dell’o.d.g., prende la parola il prof. avv. Mora, proponendo quale ulteriore nuovo socio l’avv. Paolo Guzzetti, civilista operante a Milano e Como, il quale ha espressamente chiesto di entrare a far parte dell’Associazione.

L’Assemblea approva senz’altro l’ingresso dell’avv. Guzzetti e, ritenendo necessario facilitare l’ingresso di nuovi soci nell’Associazione, delibera di dare mandato al Consiglio Direttivo di decidere, d’ora in avanti, in merito alle nuove  ammissioni. Tutte le precedenti delibere sono state assunte all’unanimità.

Non essendovi ulteriori comunicazioni e null’altro restando da deliberare, l’Assemblea si è sciolta alle ore 18:45.

Torna a: Assemblee

ESCL Thesis Prize 2018 winners
Last week on the 25th till the 26th of October 2018 the annual conference of the European Society o [...]

Continua...

Convegno 27 novembre 2018 “La CTU nei giudizi ordinari e arbitrali”

La CTU nei giudizi ordinari e arbitrali 27 novembre 2018 ore 16.30  pr [...]

Continua...

Photogallery

Matera settembre 2015

Continua...

10th October 2014 ESCL Conference “Construction Contract, Arbitration and ADR”

Continua...

Dinner Party 9th October 2014

Continua...